Just another WordPress.com site

LA VALLE DEGLI ARCOBALENI

amo la letteratura fantasy, rifacendomi ad essa ho provato a scrivere
questo racconto.
 
 
 

 
 
Sospeso in un velo di nebbia, che ovattava l’udire, diritto procedeva il
sentiero, che origine pareva avere, nel mondo dei sogni, ove, assisa su
di un trono di nuvole, impugna lo scettro della fantasia, la regina dal
sorriso di sole.
Stava immobile, tra le luci del risveglio, il leggendario cercatore, la cui
fama, aleggiava in tutti i cantoni del mondo, mentre osservava fra le
sue mani, la sacra pergamena, sulla quale, con il fuoco che illuminava
la dimora del fato, era  marchiata  la  via  che  portava  alla  suprema
emozione. Non senza il tremito di un ancestrale timore, inoltra il suo
cammino, tra le ombre della foresta degli oscuri lamenti, dove i dolori
e le angosce di tutti gli uomini, prendevano corpo in un straziante
coro, che cercava di ghermire la sua mente.
Si  narrava  che, persino  la  signora  morte,  attraversandola, rimase
turbata da tale strazio, che l’inferno, in terra pareva aver preso dimora.
Da dietro il possente tronco di un  albero  spoglio,  con  i nudi  rami
rivolti al cielo, ad elemosinare clemenza, un piccolo gnomo, plasmato
dall’attorniante delirio, e che di umano, vagheggiava fattezze, esclamò
con cavernoso timbro: "poco occorre, a rimediar tale orrido udire, è la
fiducia in se stessi, che permette alla luce del cuore, di trionfare sul
buio,  suo  rivale". Detto  questo, puntò il dito,  che ramo  pareva, ad
indicare la via.
Dopo aver camminato, il tempo che al sole occorreva per spostarsi di
uno spicchio, un bosco più rado, con fasci di luce che attraversavano
le chiome di tremolanti foglie, accolse il suo sguardo.
Proseguì sereno, anche se, un grande turbamento dimorava ancora in
lui.  Spazi verdi  si alternavano  a secche  radure, una  vecchina  curva,
sorretta da un nodoso bastone, venne incontro, gli rivolse uno sguardo
che bonario, sorrideva al posto delle sottili labbra, ormai stanche per
il peso dei troppi anni, tanto che gli sembrò strano udire le sue parole:
"Questo è il bosco della vita, gioia e dolore germogliano nello stesso
prato, prosegui il cammino sulla via che porta lì, dove il sole solleva lo
sguardo, e lascia che il sogno preceda i tuoi passi".
Detto questo, abbassò il capo e proseguì stancamente verso il tepore
di un tramonto. Trascorso la notte, cullato dal fresco alito del vento,
l’aurora, che allargava nel cielo il suo chiarore, lo trovò già in cammino
verso la sua direzione.
Giunto  al  limitare  del  bosco  della  vita,  vide  un’ampia  distesa  di
ondeggianti messi  di grano, maestose  montagne le cui vette  erano
abbracciate da bianche nuvole, sullo sfondo della azzurra immensità.
Una giovane donna dalle candide vesti, lunghi capelli di seta, la cui
bellezza, pareva aver ispirato l’intero creato, sembrava attenderlo.
Il cercatore venne assalito da mille emozioni, vide un sorriso che era,
la forza del sole, la magia della luna e la tenerezza di una piuma nel
vento,  una  tale  dolcezza,  che,  per  la  prima  volta, i  suoi  occhi
conobbero una lacrima, prese la sua mano tesa verso di lui, e si lasciò
guidare. Arrivati su di una sporgenza, lei disse: "guarda", si affacciò, si
scoprì che piangeva mille lacrime per la grande commozione.
Decine di arcobaleni sospesi nell’aria, migliaia di farfalle, colorate con
tonalità  mai viste  che, battendo  le  ali  emettevano  polvere  d’oro,
innumerevoli piccole stelle,  parevano caldi diamanti che  pulsavano
vita. Fontane sospese,  zampillavano dolci nettari, che il  più audace
immaginare, non  rendeva  idea, e, accompagnati  dal suono di arpe
che incantavano i sensi, alati bimbi dai riccioli d’oro, volavano sulla scia
dei loro sorrisi. Solo allora, si accorse che anche la giovane donna, aveva
due grandi ali, e insieme volavano in alto.
Talmente era lo stupore, da non poter capire, se era la vita che finiva,
o il sogno che continuava.
 
 
Vito
 
 
 
 
 

 

Ringrazio di vivo cuore, la directory Sun and Moon, per questo graditissimo

riconoscimento che ha voluto assegnare al mio blog

 
 
Annunci

15 Risposte

  1. angela

    Vito carissimo rimango incantata a leggere i tuoi racconti e pensa che di racconti "fantastici" ne leggo moltissimi e tu sai anche il perchè, vedo con piacere un altro meritatissimo riconoscimento, tornando al tuo racconto io immagino che quel viaggiatore arrivato a destinazione adesso stia abbracciando l\’eternità e dissipate le sue paure adesso piange per la felicità. Ti lascio un affettuoso saluto.

    30 giugno 2009 alle 19:07

  2. eleonora

    Vito complimenti ….è veramente un racconto molto bello!! Ci sono luoghi incantati e pieni di fascino e certo volte la vita ti porta a sognare ….quindi capisco lo stupore del protagonista che non sà se è la fine della vita o…. se è il sogno che continua, bravissimo buona serata, un forte abbraccio

    30 giugno 2009 alle 19:23

  3. Sara

    CARO VITO MAMMA MIA MA TU ABBRACCI TUTTI I TEMI???RACCONTI POESIE ECC….HAI MAI PORATO A PUBBLICRAE QUALCOSA???SEI TROPPO BRAVO!!!HAI UN DONO MERAVIGLIOSO.CIAO CON AFFETTO SARA

    1 luglio 2009 alle 14:51

  4. mariangela

    ..che dire???hanno già detto anzi scritto tutto lo qui sotto di meleggerti è un piacerele parole scorrono piacevolmentisei bravo e tu losai…d è bello he ci dai la possibilità i leggere qualcosa di tuoGrazie!Un abbraccio…marian

    1 luglio 2009 alle 16:03

  5. Katia

    Fantastico racconto!!!!!una fantasia ke fa sognare….leggendo sembra di esserne protagonista di questa storia.Sai descrivere con incanto..metti passione e amore su ttt ciò ke il mondo ci circonda,dando valori a ttt il creato.Un abbracciocon sincera amiciziaKatia

    2 luglio 2009 alle 16:46

  6. Anna

    grazie per gli auguri un bacio

    2 luglio 2009 alle 17:33

  7. • Sweet Angy •

    Vitooooooooooooo…ma che cos\’hai nella testa?Mio vuoi far venire un colpo? Accidenti che racconto magnifico degno di un gran scrittore quale sei tu!Complimenti per il premiooooooo…supermeritato!Un forte abbraccio…grazie per le emozioni che ragali!Angy

    3 luglio 2009 alle 20:03

  8. Paola

    E\’ sempre molto bello leggerti… complimenti per le parole e per come le usi….Buon fine settimana anche a te…un abbraccioPaola

    4 luglio 2009 alle 08:45

  9. ♠ г๏๒เภ ♠

    davvero molto bello!specialmente l\’ultima frase…complimenti =)

    4 luglio 2009 alle 22:11

  10. rosy

    Ciao Vito , davvero bello si riesci ha vivere in pieno le due parti del racconto e complimenti per il meritatissimo riconoscimento.U abbraccio ed una buona settimana.Rosy

    5 luglio 2009 alle 18:22

  11. pilù

    Se posso dire la mia come la penso, tu devi avere dentro di te un\’immagine emozionale "stampata" dell\’amore, talmente vivida che tanto di quello che esterni scrivendo, costituisce un "tributo" a questo tuo sentire. Le immagini che crei, descrivendole, secondo me riconducono ad un desiderio profondo di far vivere quel nobile, insostituibile sentimento. Buona serata, con sincera amicizia!

    6 luglio 2009 alle 16:33

  12. Ladyfor

    Lo meriti amico caro, per le emozioni che riesci a trasmettere con i tuoi bellissimi post!Ti auguro una serena settimana!

    6 luglio 2009 alle 16:37

  13. ღ♥ francesca

    Premio più che meritato. Qui, da te, è l\’anima che scrive con l\’inchiostro del cuore.Complimenti Vito.Ti auguro una serena settimanaUn abbracciofrancescaCittà Livida alba, io sono senza dio . Visi assonnati vanno per le vie sepolti sotto fasci d\’erbe diacce. Gridano al freddo vuoto i venditori. Albe più dense di colori vidi su mari su campagne inutilmente. Mi abbandono all\’amore di quei visi.Sandro Penna

    7 luglio 2009 alle 18:36

  14. • Sweet Angy •

    Vituccio eccomi!In questi giorni sto pokissimo al pc…ecco perchè nn mi vedi…come dici tu, preferisco fare delle lunghe camminate!Qui la giornata è molto fresca e ventilata, il cielo è azzurro…insomma non c\’è l\’odore del mare, e nemmeno il mare,ma con un pò di fantasia sembra di esserci davvero accanto alle onde!Un bacione grande…Angy

    8 luglio 2009 alle 14:04

  15. Anima in Volo

    ciao vito! passo per un saluto…e per un commentino.. ho letto il tuo comemtno sul blog di "robin" sui padri.. beh capisco i suoi sentimenti e capisco le tue parole… ma le tue parole sono di uan persona saggia, che riflette su ciòc he fa. quel genere di padri (e ti parlo perchè lo conosco) non lo fanno…vogliono solo sembrare i capifamiglia in tutto e per tutto, compresa l\’indifferenza 😦

    9 luglio 2009 alle 15:07

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...