Just another WordPress.com site

LETTERA DI UNA MAMMA

 


 

 
Ti porto ancora in me, pongo le mani sul mio ventre per farti una carezza,
ma sento solo le vibrazioni dell’affetto che ci lega da sempre.
Avverti il mio calore e, con un movimento, quasi a raggiungere la sua fonte,
riscaldi il mio cuore. Non temo il dolore che avvertirò quando si scinderanno
le nostre vite, basterà il tuo piccolo corpicino a contatto con la mia pelle, per
fare esplodere, tutta la gioia, le più belle emozioni che albergano in me,
saranno una apoteosi indescrivibile, una magia che mi farà sprofondare in
un vortice di sensazioni di incredibile intensità, dove tu ed io saremo oggetto
di ammirazione da parte dell’amore.
Quando il tuo pianto, sarà melodia, ti donerò il mio seno, al quale ti unirai,
assorbendo quella linfa vitale, prezioso nettare, che il miracolo di un disegno
preesistente, si rinnoverà per alimentare la tua vita e cementare sempre di
più, il nostro legame. Seguirò con apprensione i tuoi primi passi incerti, quando
rincorrendo i tuoi primi sogni, conoscerai la delusione e il timore delle prime
cadute, ma sin da quel momento, imparerai che le mie braccia, saranno
sempre pronte, e, con il sorriso che ti ricorderà quello degli angeli che hai
da poco lasciato, ti risolleveranno e ti daranno la fiducia nel riprendere il
cammino. Sarò sempre li con te, quando fra le lacrime, non capirai
l’amarezza di quel distacco, e, vedendomi allontanare, un piccola delusione
ti porterà in mezzo ad altri come te, alla scoperta di un mondo nuovo, dove
numeri e lettere, saranno tue compagne per molti anni, una triste novità che,
seppur per poche ore, ti porterà via da me.
Quando la sera, nel tuo letto non vorrai abbandonarti fra le braccia della
notte, ti racconterò di mondi lontani e storie senza tempo, e, quando intonerò
un dolce nenia che incanterà i tuoi sensi, gli occhietti vispi si chiuderanno con
iniziale incertezza, fino a proiettarti in quel mondo dei sogni, dove noi due,
mano nella mano, voleremo fra le bianche nuvole, incontro alla luce del sole.
Purtroppo il tempo, quando vivi le cose belle, trascorre con la velocità di un
fulmine, ti ritroverò già un ometto, quando il difficile momento dell’adolescenza,
ti vedrà ribelle, perchè ti sentirai forte, invincibile, e qualsiasi mio consiglio,
ti sembrerà come uno sminuire la tua capacità di affrontare la vita.
Io lo saprò, che sarà solo l’orgoglio di quegli anni, e la mia guida, la mia
presenza, diventerà meno visibile, ma sempre vicina.
Toglierò le scarpe e seguirò il tuo cammino a piedi nudi, per non far rumore.
Il  primo amore vedrà palpitare il  tuo cuore, emozioni fino ad ora, per
te sconosciute, sconvolgeranno il tuo mondo.
Verserai qualche lacrima, e darai la colpa al vento, se la mia curiosità vorrà
indagare su quei tuoi occhi rossi, il vento, si figlio mio, anche io ho pianto
per colpa del "vento". Poi arriverà il giorno, per me bellissimo ma, in fondo
anche un poco triste, quando impeccabile ai piedi dell’altare, aspetterai la
tua sposa. Eccola  vicino alla porta, vestita di bianco, uno splendore di
luce che avanza verso te, mentre io, attrice secondaria, seduta fra i banchi,
vivrò la tua favola, cercando di contenere la forte emozione, che, quando
la tua voce tremante di gioia dirà "SI", esploderà incontrollata in lacrime
discrete. Avvertirò il vuoto che lascerai, i giorni saranno stranamente lunghi,
aspetterò con ansia, quando entrando con un sorriso, mi dirai: "mamma
diventerò padre", mi sembrerà di rivivere momenti passati, anche se ora, non
da madre, ma da nonna, in fondo, c’è poca differenza.
Piccoli sorrisi ilumineranno di nuovo la mia vita, qualche acciacco non
ostacolerà il mio saper donare tutta me stessa, donare il mio totale amore,
a quei piccoli angeli senza ali, che riscalderanno il mio cuore.
Purtroppo la vita va avanti, molto avanti, all’improvviso vedi un traguardo,
l’unico che non si vorrebbe mai raggiungere, ma bisogna superare anche
quello. Lo farò con serenità quando distesa in un letto, vi vedrò tutti intorno
a me, pieni di lacrime. Prenderò per l’ultima volta la tua mano, e quando con
un vago sorriso, starò per dirvi di non piangere, inizierete a svanire fino a
che, vi vedrò da lassù, ancora con le amare lacrime che bagneranno i vostri
visi. Figlio mio, la vita è come un romanzo, che all’ultima pagina scrive la
parola "fine", ma il tuo, fra poco aprirà la prima, quella dell’alba della tua
esistenza, dove il rosso sole del mio amore, colorerà le miriadi  striature,
con i colori del mio affetto, un’alba radiosa, degna premonitrice di una vita
felice.
 
 
Vito
Annunci

28 Risposte

  1. Sara

    Buona giornata Vito!
    Ti confesso che ho pianto ad ogni parola della tua lettera.. sento che sono parole uscite dal cuore.. essendo tu padre di due figli..
    Ti volevo fare i miei complimenti e volevo ringraziarti per avermi regalato una forte emozione!
    Buona giornata .. salutoni a te, Vincenza, Dario e Daniele….
    Sara

    21 agosto 2008 alle 13:58

  2. Patrizia M

    Meraviglioso è dire troppo poco
    Sai dare voce alla vita e alle emozioni
    in maniera incredibile.
    Come se fossero narrate
    da un abile attore ogni tua parola
    prende vita per donare a chi legge
    quel momento di pura estasi e di
    immersione in un mondo incredibilmente bello.
    Ciao fratellone, sei splendido.
    Patty

    21 agosto 2008 alle 14:08

  3. .

    Giuro..piango! BELLISSIMA Vito….che parole meravigliose! Scritte da un padre poi e non realmente sentite col cuore di mamma,assumono un significato ancora più profondo,particolarissimo! Complimenti,ho letto tutto d\’un fiato,mi sono commossa tanto.me la copio e conservo su un foglio word,se me lo permetti. La farò leggere a chi voglio,troppo bella! Un abbraccio forte,Marianna

    21 agosto 2008 alle 14:23

  4. .

    Mia sorella è entrata in camera,ho detto"Fermati,leggi che splendore"….lei ha letto,mi ha guardata ed ha detto"IMPRESSIONANTE,SOPRATTUTTO XKè SCRITTA DA UN UOMO CHE PER NATURA NON VIVE L\’ASPETTO DELLA GRAVIDANZA….MERAVIGLIOSA"Applausooooooo,sei bravissimo Vito.
    Baci,Marianna

    21 agosto 2008 alle 14:25

  5. la carla fracci della

    Vito, io ripeterei quello che dice Marianna sotto, è meravigliosa, proprio perchè scritta da un uomo, sembra che abbia vissuto su di te le emozioni e le sensazioni della gravidanza!
    hai un\’anima veramente stupenda Vito, per riuscire a rendere così vive queste sensazioni di "mamma"
    un abbraccio carissimo con tanto tanto affetto e amicizia
    e se non ti dispiace, me la copio anche io Vito va fatta leggere veramente.

    21 agosto 2008 alle 14:44

  6. Armonia

    Non oso commentare una meraviglia della letteratura…
    … parole usate con speciale cura, frasi precise per raccontare il miracolo della Vita, il miracolo dell\’Amore filiale e materno, il miracolo del rispondere "Si" alla Vita.
    Semplicemente e magnificamente splendido ciò che hai scritto…
    Grazie!
    Buon Pomeriggio
    in Armonia

    21 agosto 2008 alle 15:20

  7. ∞ Chimonanthus ∞

    Carissimo amico, mi sono commossa! Ci sei riuscito, non mi è facile avere gli occhi lucidi leggendo un intervento ma tu sei riuscito a toccare l\’angolo del mio cuore più nascosto…con le tue parole così belle e così vere che solo il cuore di una mamma conosce; La nostra amicizia cresciuta giorno dopo giorno mi aveva gia messo dinnanzi ad un uomo con una meravigliosa sensibilità ma con questo tuo post hai superato te stesso e qualsiasi tipo di aspettativa una donna possa avere nei confronti di un amico uomo…comprendere la grandezza e l\’unicità della maternità non è da tutti e poi esprimerla in questi termini e da pochi…pochi che hanno un grande cuore e un\’anima limpida e pulita come te; ti ringrazio di averci donato questo tuo scritto che custodirò fra le cose più belle che ho e rileggerò molto spesso…grazie Vito caro dell\’amicizia che mi regali e ringrazio Dio per aver reso possibile la nostra conoscenza….un abbraccio di cuore a te e alla tua bella famiglia….Laura

    21 agosto 2008 alle 15:37

  8. Una DoNNa..

    SI SONO ANCHE IO D\’ACCORDO A DIRE CHE LA TUA SENSIBILITÀ È UNICA CARISSIMO AMICO VITO;
    a volte mi chiedo come fai..io no sarei CAPACE di interpretare le EMOZIONI CHE PUÒ PROVARE UN UOMO…
    e tu quelle di una Donna le descrivi con tale facilità…….cmq mi son COMMOSSA ANCHE IO..x vari motivi..
    un po xkè descrivi situazioni talmente emozionanti, un po xkè io non avendo potuto conoscere la gioia della
    maternità…penso puoi capire…e poi, mia mamma (e siamo in 3 sorelle), non ci ha potuto allattare per nulla
    e, credo, che questo sia una "mancanza" x avere un forte legame…credo…forse mi sbaglio…ma poterlo
    fare deve essere pure un\’esperienza unica!
    CIAO, UN FORTE ABBRACCIO♥

    21 agosto 2008 alle 15:53

  9. Patrizia

    Hai toccato con una carezza il cuore di una delle tante mamme che popolano i blog.Grazie.Ti rispondo con una poesia di Gibran:"I Figli"
     vostri figli non sono vostri figli. Sono figli e figlie del desiderio ardente che la Vita ha per se stessa. Essi vengono per mezzo di voi, ma non da voi. E benché siano con voi, non vi appartengono. Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri, poiché essi hanno i loro pensieri. Potete dar alloggio ai loro corpi, ma non alle loro anime, poiché le anime dimorano nella casa del domani, che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni. Potete sforzarvi di essere come loro: non cercate però di renderli come voi. La vita, infatti, non torna indietro né  indugia sul passato.   Voi siete gli archi dai quali i vostri figli come frecce viventi son lanciati. L’arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi piega con la sua potenza perché le sue frecce volino veloci e lontane.  
    Lasciatevi piegare con gioia dalla mano dell’Arciere; poiché come egli ama la freccia che vola così ama pure l’arco che è ben saldo”.

    21 agosto 2008 alle 16:36

  10. semplicemente

    Ciao Vito penso ke avrai letto la mia email.Scrivimi sia nel  mio blog,sia nell\’altro.Un abbraccio Terry

    21 agosto 2008 alle 18:51

  11. Jonathan

    Si può davvero lasciare un commento a questo post?
    Lascia SENZA PAROLE…
    Il tuo raccontare questo legame indissolubile
    di eterno amore
    non ha bisogno di altre parole…
    Semplicemente Grazie voglio dirti
    perchè mi e ci hai donato questi versi.
    Grazie Vito.
    Grazie Mamme!
    Jonathan

    21 agosto 2008 alle 20:04

  12. serena

    caro Vitohai descritto perfettamente quello che ogni madre sogna pensando al proprio figlio…la vita a volte non ti accontentai sogni non sempre si realizzano..scusa questo commento fuori dal coro…per ragioni personali questo tuo post mi ha rattristato..ma tu scrivi in modo meravigliosoperdona la mia tristezza, ma ho sentito che potevo condividerla con teun abbraccio

    21 agosto 2008 alle 21:52

  13. MARY

    Carissimo Vito,
    non c sono parole adatte per descrivere
    quanto di bello ho potuto leggere. Dolcissimo come sempre…
    la prima volta che l\’ho letta mi sono commossa come le altre care amiche
    che mi hanno preceduta..Ora ho i brividi. Grazie caro amico di queste
    meravigliose parole…scritte da uomo, marito e padre.
    Posso ricopiarla e metterla nella mia cartella come ha chiesto
    Marianna? Ti abbraccio..con sincero affetto
    Mary

    22 agosto 2008 alle 10:36

  14. Sonia

    Sono senza parole ma con lacrime di emozioni che dolcemente scendono dai miei occhi,ogni tua parola fa nascere e vivere in me i momenti descritti,con amore,e dolcezza infinita,e anche con forza….. è vero è la vita,è una ruota che gira e nonostante tutto ringrazio Dio che ci ha donato una capacità incredibilmente meravigliosa: dare la vita…..un angelo che vedremo diventare uomo o donna,ma che per noi resterà sempre il nostro angelo……grazie caro Vito per queste emozioni,sentimenti che ci fai provare con le tue stupende parole……un forte abbraccio…Sonia….  

    22 agosto 2008 alle 13:53

  15. Miriam

    Davvero emozionante…non ho ancora avuto la gioia di essere mamma ma credo che molte delle sensazioni e dei sentimenti che si provano ad esserlo, tu li abbia intrappolati perfettamente in queste righe!

    22 agosto 2008 alle 18:58

  16. Katia

    ehi vito ma i tuoi post sono una favola!!!!!
    ogni tuo post mi  da tanto…
    in questo rispecchia  tutta mia vita di mamma:passata ,presente e futura….
    mi stai facendo piangere…sono emozionata
    ogni frase,ogni parola mi commuove.
    Sai descrivere con dolcezza e grande amore
    sicuramente la tua mamma sarà orgogliosa di avere questo figlio
    ke riconosce e comprende questo amore di mamma
    un amore cosi grande ke nn si può misurare

    23 agosto 2008 alle 01:07

  17. Ladyfor

    che bello amico mio! Sai essere così profondo e allo stesso tempo divertente, sei proprio una persona completa!
    Però mi raccomando non vedere topi dapprtutto!!
    Senti un pò per sdrammatizzare queste forti emozioni che solo tu sai darci con i tuoi bellissimi post, ma tu come fai a conoscere queste sensazioni che solo una madre può provare? Forse in un\’altra vita eri una donna? Devo chiamare il detective Monk per indagare su questo mistero?????Sai non mi risulta esistere un detective Mouse!!! ih ih ih!
    Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!
     

    23 agosto 2008 alle 20:16

  18. Annamaria

    Ciao carissimo amico Vito…..cm va? mi fa piacere ke ti sia piaciuto l\’intervento….ho voluto fare qualcosa di nuovo e qualcosa ke sentivo e ke si addice anke a cm sn io, cioè passionale! 🙂 Ti auguro una dolce notte e una buona domenica….Kiss

    24 agosto 2008 alle 00:03

  19. ♥ ღ ♥ Mikì ♥ ღ ♥

    Si puo\’ dire che sono ancora all\’inizio di queste sensazioni di mamma… pero\’ l\’ultima parte non mi piace, mi  mette tristezza uffi… io mi fermerei a quando diventero\’ nonna, tra molto molto molto molto tempo ihihih…
     Comunque leggendo la prima parte mi son rivista in pieno, anche se ci son tante altre emozioni, quando si ha una nuova vita dentro di se… emozioni indescrivibili quasi… troppo bello esser mamma..
     A presto,ciao, miki

    25 agosto 2008 alle 12:43

  20. patrizia

    mi commuovo e nello stesso tempo sento serenita\’ nel leggerti…grazie di essere passato…eheh…le cozze patelle..e quelle nere…sisisi…..ne ho fatta una scorpacciata…..e sai che ti pensavo???….un abbraccio dolce amico….buon pomeriggio

    25 agosto 2008 alle 16:27

  21. Giorgio

    Ciao Vito, a complimentarti per questa lettera di mamma sarebbe poco, ho copiato e stampato il contenuto per poi regalarlo a mia moglie in tuo nome.   Mia moglie quasi mi disaccorda l\’uso dei blog, ma con quella lettera, le volevo far capire che quando si fa buon uso della rete e si comunica con persone adeguatamente adatte per lo scambio dei confronti, allora i blog daranno un contributo sempre utile agli altri.  La lettera era di un contenuto estremamente vivo e reale, ma anche alta nei valori emozionali, tant\’è che mia moglie l\’ha meditata e riletta più di una volta, io mi sono rivisto  da figlio di quella Mamma, ma anche mia moglie si è rivista mamma di quel figlio, figuriamoci se la facessi leggere a mia madre ottantaquattrenne, ed ancora in vita.  Nel mio cammino attraverso i blog, incontro persone profondamente significative, incontro poeti e poetesse, scrittori e scrittrici, pittori e pittrici, amanti della grafica, e chi non possiede queste doti diventa un buon spettatore o una buona spettatrice.  Tutti indistintamente, lanciamo un messaggio sicuramente positivo, e quando con le nostre pubblicazioni saremmo stati in grado di suscitare emozioni agli altri, in quel momento siamo riusciti a toccargli il Cuore nella più profonda interiorità.   Giorgio

    26 agosto 2008 alle 07:57

  22. .

    Ciao Vito,ho appena acceso pc ed ho letto….non riesci a leggerla per intero perchè io creo immagini di dimensioni grandi. Per leggerla tutta e quindi per vedere in pieno l\’immagine,devi entrare nello spaces.
    Comunque non rispecchia il mio attuale stato d\’animo,ma mi son piaciute entrambe da morire e le ho graficate. Ti auguro una buona giornata e ti lascio un bacino.Marianna

    26 agosto 2008 alle 10:59

  23. Francesca

    Ciao, sono un\’amica di space di Giorgio e mi ha invitato a leggere la tua "lettera di una mamma"…..che trovo stupenda per la poesia che traspare in ogni riga che scrivi.  Quanto è difficile essere mamma!!!…. Hai sempre paura di sbagliare per il troppo amore che si ha verso i propri figli… ma, quanto amore c\’è quando per la prima volta stringi la piccola vita…. e quanto amore c\’è quando la piccola vita cresce…. diventando uomo o donna…. ridi, soffri con lei,  sei partecipe delle sue emozioni e le fai tue…lotti per lei e piangi con lei… Poi, ecco che se ne vanno…. ed è giusto, devono affrontare la loro vita ma, nonostante tutto sei sempre al suo fianco, cercando però di essere invisibile perchè solo lei con gli insegnamenti ricevuti deve saper affrontare le avversità e le dolcezze della vita…
    Sai, per me, il dono più grande che una mamma possa fare e saper tagliare il cordone ombelicare in modo che possa affrontare il suo orizzonte…..
    Grazie per questa lettera e grazie a Giorgio che me l\’ha fatta leggere….
    Un sorriso Francesca

    26 agosto 2008 alle 15:16

  24. bye bye

    grazie, sei sempre molto gentile, io sono tornata oggi dalle mie vacanze, un abbraccio ciao Kat

    27 agosto 2008 alle 12:31

  25. Anna

    Credo che la tua sensibilità sia un vero dono. Hai saputo cogliere non solo le ansie, paure, gioie di un qualsiasi genitore, ma soprattutto i sentimenti di una madre che, se permetti, saranno sempre diversi da quelli di un padre perchè diverso è il legame che unisce madre e figlio in maniera quasi viscerale.
     
    Devo e voglio ancora una volta ringraziarti per essere sempre presente e per aver intuito che qualcosa non andava; va molto meglio ora, ma porto ancora con me questo senso di inquietudine dovuto all\’ansia di non sapere cosa mi riserverà il futuro. In merito poi, se vorrai, ti spiegherò meglio la situazione che ha scatenato in me questi sentimenti.
     
    Ancora grazie Vito!

    27 agosto 2008 alle 15:07

  26. ஜRosa

    difficile trovare parole da aggiungere a versi cosi belli e cosi completi
    si ha paura di rompere l\’incantesimo della magia che si ha nel leggerle…
    mi sono immedisimata da mamma e da figlia…
    sono sensazioni  fortemente precise..
    grazie per questo tuo bel modo di esprimerti..complimenti sinceri

    28 agosto 2008 alle 17:25

  27. pina

    BELLISSIMA VITO
    CHI PIU\’ DI ME PUO\’AVVERTIRE QUESTO DISTACCO
    GRAZIE PER LA TUA VISITA ORA E\’ LEGGIBILE
    CIAO AMICO MIO.UN ABBRACCIO

    28 agosto 2008 alle 21:37

  28. .....................

    Ammazza Vito, come si fa ad essere uomo, e a scrivere dell\’amore di una madre per un figlio come lo hai fatto tu. Sono sempre piu\’, non so nemmeno cosa dirti. Sei un manicomio a scrivere. Poi hai questa dolcezza questa delicatezza del frasario che trasmutte ogni virgola in emozione. Io non sono mamma, ma avendo l\’instinto materno, mi è venuto un tuffo al cuore. Ho pensato a mia mamma. E tu per avere realizzato questo capolavoro, hai avuto una madre meravigliosa che ti ha circondato di tanto amore prima di incontrare la donna che è diventata la degna mamma dei tuoi figli. Due muse ispiratrice superiori. Complimenti con tutto il cuore. Non cnoscevo il tuo blog d\’agosto. Grazie di avermi datto l\’opportunità di scoprire quest\’ennesimo capolavoro tuo.

    18 gennaio 2009 alle 23:42

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...